Login Form



Tot. visite contenuti : 23092

Il documento di trasporto precisa il proprietario dei beni

Le clausole internazionali Incoterms inserite nel documento di trasporto per il trasporto nazionale non possono sostituire le informazioni sul proprietario della merce. Queste ultime devono sempre essere indicate nel documento di trasporto (ddt) se, con questo documento che accompagna la merce, si vuole sostituire la scheda di trasporto.


Al posto della scheda
Per sostituire la scheda di trasporto con il ddt occorre aggiungere a quest'ultimo le nuove informazioni richieste dalla scheda (circolare interministeriale Interno e Trasporti del 17 luglio 2009). Si tratta dei riferimenti del proprietario della merce, del committente del trasporto e del caricatore, del numero di iscrizione all'albo del vettore, dei luoghi di carico e di scarico della merce, della sottoscrizione del committente e delle eventuali informazioni richieste nei campi della scheda di trasporto denominati «eventuali dichiarazioni», «eventuali istruzioni» e «osservazioni varie».
Quindi, se si vuole sostituire la scheda di trasporto con il ddt, occorre anche inserire in quest'ultimo i dati del proprietario della merce, cioè dell'impresa o della persona giuridica pubblica che ha «la proprietà delle cose oggetto dell'attività di autotrasporto al momento della consegna al vettore».

Il problema della proprietà
Deve essere chiaro di chi è la merce durante il trasporto, perché per individuare il passaggio di proprietà è ininfluente la consegna fisica della merce. La proprietà si acquista generalmente con il consenso delle parti legittimamente manifestato (articoli 922 e 1376 del codice civile). E il contratto di compravendita si perfeziona con il realizzarsi dell'accordo delle parti: non è necessario che la cosa venga consegnata all'acquirente o che vi sia il pagamento del prezzo (articolo 1470 del codice civile). La proprietà, quindi, si può trasferire alla consegna della merce al trasportatore (inizio del trasporto), all'arrivo della merce a destinazione o al verificarsi prima, dopo o durante il trasporto di una determinata condizione. Chiarire chi è il proprietario della merce durante il trasporto (cedente o cessionario) consente di risolvere i problemi che riguardano la responsabilità di eventuali danni causati dalla merce in viaggio.

Le regole Incoterms 2000
Per individuare le clausole contrattuali che disciplinano le modalità di consegna e di trasferimento dei rischi relativi alle merci si possono utilizzare, soprattutto per le cessioni internazionale, le regole Incoterms 2000 (International commercial terms), redatte e pubblicate dalla camera di commercio internazionale (International chamber of commerce). Queste disciplinano le modalità di consegna, il trasferimento dei rischi, la ripartizione dei costi e le formalità doganali. Anche se le clausole Incoterms 2000 disciplinano le condizioni generali del trasporto, del trasferimento dei rischi delle merci e, quindi, del trasferimento della proprietà, quando si vuole sostituire la scheda con il ddt non basta indicare una clausola Incoterms 2000 al posto dell'identificazione del proprietario della merce al momento della sua consegna al vettore.

I dati obbligatori da inserire nella scheda di trasporto (e quindi quelli che devono essere aggiunti nel ddt che la sostituisce) sono quelli indicati nella bozza della scheda allegata al decreto del ministro delle Infrastrutture del 30 giugno 2009. Per identificare il proprietario occorre indicare la denominazione, l'indirizzo, la sede (riferimenti telefonici o mail) e la partita Iva: dati che non sono ricavabili dalle clausole internazionali Incoterms.